Meditazione

Meditazione

 

La meditazione è una pratica essenziale nel Kung fu Shaolin, al pari del Qi Gong e dello studio della filosofia Chan.

 

Ogni arte marziale che si definisca tale dovrebbe avere all’interno del suo programma d’insegnamento una parte dedicata alla filosofia, al controllo

della propria energia e alla meditazione.

Un antico detto orientale recita più o meno così:

 

un guerriero che allena assiduamente solo la sua parte esteriore, tralasciando quella interiore, resta un mezzo guerriero.

 

Questa è la differenza sostanziale tra le arti marziali e gli sport da combattimento.

 

Quindi, per chi impara a difendersi, queste pratiche sono fondamentali, volte al controllo delle proprie emozioni per non esserne travolti.

 

Comunque la meditazione è consigliata a tutti, che si faccia sport oppure no, a persone sane o con problemi vari; perché rimane comunque il fatto che è molto importante saper dominare la mente travolta dal vortice dei pensieri, quella che in questo ambiente viene definita la scimmia, che nella giungla salta impazzita da un ramo all’altro.

A causa sua si ha una percezione distorta del mondo che ci circonda, con conseguenti sensazioni e reazioni il più delle volte esagerate o completamente errate.

 

Attraverso un percorso graduale di incremento del controllo delle sensazioni del corpo, dell’aumento della concentrazione, passando per la contemplazione, si arriva infine alla meditazione vera e propria.

 

I risultati variano da persona a persona, così come i tempi di realizzazione; di solito però le prime sensazioni di benessere si hanno in brevissimo tempo.